Sintesi STORICA dell’Esposizione Nazionale delle Arti Contemporanee

Un’immagine della grande Rassegna del 2014, con i protagonisti e l’ultima presenza in pubblico del compianto Carmine Siniscalco.

2010 – La prima edizione dell’Esposizione Nazionale delle Arti Contemporanee è una realtà. Il Castello Orsini di Soriano ospita i primi 37 artisti partecipanti al Premio Centro. La Direzione Artistica è di Paolo Berti, quella organizzativa di Marcello Santini. Una giuria di eccezione è presente : Citto Maselli, Enzo G. Castellari, Enrico Manera, Giuseppe Di Nunzio, Franco Bevilacqua. La premiazione avviene la sera del 25 luglio nel Chiostro di Sant’Agostino , Sede del Comune . I primi storici premiati sono nell’ordine Bato di Roma, Giuseppe Rossi di Soriano nel Cimino, Fiore Cagnetti di Vignanello. Una cena festosa  ha concluso una settimana che prometterà successi in futuro .

2011– Anno del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. L’Esposizione Nazionale ottiene di fregiarsi del logo ufficiale del Governo Italiano, per questa ricorrenza. Il Presidente della Repubblica Italiana, invia una medaglia  all’Evento. Le manifestazioni legate all’intera Rassegna espositiva iniziano  con la residenza di artisti provenienti da tutta Italia e dall’estero, ed appartenenti alla Street Art. Ci sono Etnik, A.BISERAMA Becherer, Alan De Cecco SODA,Francesco Pogliaghi, Ale Senso, Made 514, Joys, Sergio Sees, Tawa, Fabio Weik, 2501 . L’Evento si inaugura  il 26  marzo e durerà fino al 18 aprile, presso il Palazzo Orsini di Bomarzo., mirabilmente curato da Fabio Weik e Valentina Laneve. E’ il momento di “Beyond the city Walls“. Un successo senza precedenti  con la partecipazione dei nomi più illustri della Street Art del momento. Il Castello Orsini di Soriano ospita invece la prima grande Mostra dedicata al tema trainante dell’Esposizione “La città e l’umano”. Tra gli artisti presenti spiccano Max Papeschi e Roberta Serenari, Aurora Cubicciotti, Andrea Martinucci, Marco Zappa, Giuseppe Rossi, Bato, Isa Biasini, Luigi Fondi, Lorenzo Brini, Chiara Massimi, Fiore  Cagnetti, Serge Uberti. Ben tredici Mostre personali di grande suggestione e bellezza, che invadono l’intero Castello , dirette da Berti , organizzate in collaborazione con Marcello Santini e curate da Cristina Pontisso. Il Premio Centro invece ha come sede, dal 16 al 23 luglio,  le Scuderie di Palazzo Farnese a Caprarola. Una sede importante per un premio importante. Tra gli espositori esce  vincitore del Premio Roberto Petitti di Roma, fotografo d’arte, seguito da Cesare Pepponi , pittore di Viterbo e Gianluca Bagliani Scultore e Pittore di Roma.   L’Evento collaterale è la Mostra “John Ratner” , una Personale del maestro americano, co-curata da Hawa Said . Gli eventi vedono ospiti illustri come la famiglia Getty, di Getty Images ed altri esponenti del mondo dell’arte italiana.  A conclusione , nella Sala consiliare del Comune di Soriano viene presentato il libro di Olivia Casares  Memoria in chiaroscuro – Diario apocrifo di Frida Khalo”.

2012 – L’esperienza di “Beyond the city walls” viene confermata . La III Esposizione infatti si apre con una residenza d’artista , presso il Castello Orsini di Soriano nel Cimino. Essi lavorano dal 12 al 21 luglio all’interno delle mura del Castello, ognuno in un luogo, ognuno con uno spazio e quasi tutti creando giorno per giorno la loro opera . Già al centro del Cortile troneggia un’opera scultorea di Etnik, a rammentare a tutti la splendida esperienza vissuta l’anno prima a Bomarzo. Il 22 luglio si apre il Castello ed ecco apparire per tutte le stanze del piano terra e del primo piano le opere di Rems 182_Truly Design, Shepard Fairey OBEY, Fabio Weik, VESOD, Manuel De Rita PEETA, FLYCAT, Corn79, Mr Fijodor, Massimo Gurnari, James Hancock Gulliver. Il catalogo , vede un’introduzione di Michel Wad Caporosso, l’autore di “SUXXX” e Co-curatore con Weik della Mostra. Di essa ne parlano molte  testate on line, anche nazionali e tra cui “L’Espresso. Un grande pannello di sei metri per due, che ritrarrà Pirandello, Pasolini e De Andrè inseriti in Soriano, sarà donato al Comune , curato dall’Associazione Terzo Millennio Onlus e dipinto dai Writers. Altra testimonianza ormai persa sarà l’intervento presso il Giardino Di Jordie (Paperelle) da parte del gruppo residente di street-artists. ” Dopo la pausa di Agosto l’8 Settembre torna a Palazzo Orsini la Mostra “Anacronismo- Un’antica novità” con splendide opere di Giorgio Dante e Tommaso Didimo, che durerà fino al 16 settembre. E’ del 25 settembre l’inaugurazione della Mostra per il III Premio Centro , che si tiene di nuovo presso le Scuderie di Palazzo Farnese di Caprarola. Presidente di Giuria  il Prof. Nunzio Solendo, Pittore e docente emerito dell’Accademia di Belle Arti di Roma, accompagnato da John Ratner, Marco Maria Zappa entrambi Pittori e dal fotografo Ruggero Passeri. Il Premio vede vincitore Evandro Muti di Soriano nel Cimino, Pittore . Al secondo e terzo posto il podio è rispettivamente di Cinzia Mastropaolo e Franco Durelli, entrambi pittori di Roma. Il 13 e 14 ottobre è la volta dell’esordio del I Premio Centro alla Drammaturgia per monologhi, a cura di Lella Vairo e del Teatro Tascabile di Alessandria. E’ Albaretto della Torre in provincia di Asti, nel cuore delle Langhe ad ospitare il Premio, nella piccola Chiesa della Confraternita dei Battuti.  Ne esce vincitore Gianni Spezzano di Napoli  con il suo “Patrizio“, seguito da Gimmi Basilotta con “Viaggio ad Auschwitz a/r”, Dalila Cozzolino con “L’Italia s’è desta – Un piccolo (falso) mistero italiano” e Ilaria Passeri con un monologo performance suggestivo “Dove c’è luce”. Fuori concorso , in omaggio a Luigi Pirandello, Pier Paolo Pasolini e Fabrizio De Andrè, si esibiscono con propri monologhi Ada Cavino, Massimo  e Maurizio Novelli ed Ilaria Ercole. Il Premio , dopo la decisione della Giuria, composta da Roberto Pierallini, Paolo Berti e Lella Vairo, viene consegnato insieme ad altri riconoscimenti per i partecipanti dall’atleta ed ospite d’onore Francesca Fenocchio, medaglia d’argento alle Paralimpiadi.  In una data memorabile e tristemente famosa perché lui morì proprio in quella notte, tra il 2 e il 3 Novembre , così come apposta fissammo al momento della programmazione e in un posto a lui carissimo, Chia, dove abitava , scriveva e viveva  Pier Paolo Pasolini, abbiamo inaugurato il I Premio Centro alla Poesia , con un illustre Poeta  come Presidente di Giuria, Beppe Costa e davanti a un fittissimo pubblico. Dopo le declamazioni dei Poeti partecipanti, il Sindaco di Soriano Fabio Menicacci ha consegnato  a  Giacomo Gasparini di Roma  il Premio Centro ed a Ruben Bocale di Roma anch’esso e Luca Di Giacomo di Salerno i riconoscimenti per il secondo e terzo posto iscrivendoli così  nell’albo d’oro dell’Esposizione Nazionale.  Il sipario così si chiude su questa terza edizione , alla vigilia del Natale 2012, dopo un cammino che finalmente ha percorso l’Italia  e che ha visto tanti interpreti di questo tempo, provenire dall’Europa , dall’ America e dal Nord al Sud della nostra Italia.

2013 “La città e l’Umano” torna ad aprire  la IV Esposizione Nazionale delle Arti Contemporanee a Bomarzo, nelle Sale di palazzo Orsini dal 15 al 22 luglio 2013.  Espongono i premiati  degli anni precedenti ,insieme a nuovi ospiti, autori raffinati di mondi scultorei e pittorici.  Sono Gianluca Bagliani, Francesca Carle, Giorgio Ceccarelli, Franco Durelli, Erika Haller, Antonio Laglia, Giorgio Linda, Cinzia Mastropaolo, Evandro Muti, Cesare Pepponi, Roberto Petitti, Marcello Santini, Sandra Sfodera, Maria Grazia Tata e Fabio Weik. Mondi diversi che narrano terre e visioni di interni o tibetani memento. Scultura e pittura si intersecano in un solo afflato narrativo, di colori forme e meateriali. E’ un trionfo di raffinatezza e stili.  E’  dal 20 al 28 luglio, con sede nel Castello Orsini di Soriano nel Cimino. Con la Direzione artistica  di Paolo Berti, la cura è affidata, per il IV Premio Centro al Dott. Michele Di Giuseppe, Storico dell’Arte. Partecipano a questa Edizione molte associazioni , in collaborazione diretta e co-gestione del Premio.  Sono infatti presenti, con ruolo primario, oltre all’Associazione Premio Centro, l’Accademia CubeArt di Messina,  Arte vita donne di Trieste, Mani per creare di Roma, Il Faro Verde di Ancona,il Collettivo VV e il Teatro Tascabile di Asti, Espressioni d’arte di Roma, Soriano terzo millennio onlus, oltre agli sponsor istituzionali.  Anche in questa occasione il Presidente della Repubblica , concede la terza medaglia consecutiva all’Esposizione.  Vincitori del Premio Centro per le arti figurative saranno, su scelta della Giuria composta da Marco Zappa pittore, Lidia Bachis, Pittrice, Enrico Manera Pittore, Tiziana Todi Gallerista , Giorgio Dante Pittore. I classificato sarà Fabio Ferretti De Virgilis di Manduria (TA), al secondo e al terzo posto Maria Eleonora Cianci di Roma e Lauro Papale di Giove (TR). Vincerà il I Premio Centro alla Fotografia d’Arte Francesco Meloni di Viterbo, seguito da Claudia Costa di Monforte SanGiorgio (ME) e da Caterina Consiglio di Ancona.  Questa Edizione si contraddistinguerà per eventi in programma di alta qualità. ” Human installations” sarà la performance, in video di Khyram and Julius Caesar, definite da Lorenzo Canova ..”il corpo mutante del ventunesimo secolo”. Una loro prima partecipazione, che preluderà alla grande performance del 2014. E’ pronta invece la grande Mostra curata da Robertomaria Siena e   voluta con determinazione da Paolo Berti. L’Eresia della Pittura si impone come oltraggio alle avanguardie, affondo nel turbine della grande tradizione rinascimentale e post barocca, intridendo le Sale espositive di consistenti profumi di olii e di misture cromatiche d’altri tempi. L’itinerario da percorrere interroga molti sul senso dell’arte e del perché ci avvolge comunque , tra voluttuosità silente e passione inaspettata .  Leonardo Caboni , Isabella Collodi e Piero Fornai Tevini, Roberto Ferri, Giorgio Dante e Tommaso Didimo, Felice Pedretti e Flavio Pitocchi, Virdì , Claudio Sciascia Luciano Rignanese e Lorenzo Romani, attori sul proscenio del futuro dell’Arte, espongono opere  che ognuno di loro stringe nel suo intelletto e nell’anima. Tutto questo avviene a  Palazzo Orsini di Bomarzo, dal 19 ottobre al 1 novembre e le sale affollate di visitatori  sottolineano che gli sforzi intrapresi stanno cogliendo nel segno, offrendo sempre valori e dinamiche ben inserite nel panorama artistico contemporaneo.

2014 – E così giungiamo al quinto anno di vita . Anno strabiliante e difficoltoso allo stesso tempo. Le ambizioni sono tante , visti i risultati dei quattro anni trascorsi. L’Esposizione ora è conosciuta in tutta Italia, ma anche in alcune Nazioni europee e negli Stati Uniti.  Se ne parla con le Amministrazioni  istituzionali e all’inizio c’è pieno accordo a darle la spinta che merita. Il programma viene stilato in ogni particolare già dal Gennaio 2014. Denso di eventi e di partecipazioni storiche, donerà di sicuro  risultati che inseriranno questa iniziativa tra le più interessanti e serie d’Italia. E così stabilito, si procede  alla sua organizzazione pratica. Nel colophon di apertura del Catalogo si leggeranno i nomi del Presidente della Repubblica Italiana Napolitano, che ha anche quest’anno insignito gli Eventi del suo premio-medaglia, del Presidente della Regione Lazio Zingaretti  e di quello della Provincia di Viterbo Meroi, oltre al Sindaco di Soriano Menicacci . I Curatori, diretti da Paolo Berti sono ben cinque: Carmine Siniscalco, Robertomaria Siena, Michele Di Giuseppe, Collettivo VV e Simone Burratti. Essi inoltre formeranno anche il Comitato Scientifico dell’intero Evento , con l’aggiunta di Marco Maria Zappa e Tiziana Todi, Isabella e Anna Rita Pasanisi ed Enzo G. Castellari. Le Associazioni e le Gallerie  che cooperano alla convocazione degli autori e artisti partecipanti , quest’anno sono l’A.R.G.A.M. (Associazione romana Gallerie di arte moderna), Gente Adriatica (FVG) di Trieste, Romart e Galleria Vittoria ambedue romane, Collettivo VV di Asti, Atelier Montez di Roma, Il Varco di Roma, Accademia Cube Art di Messina e il Teatro Tascabile di Alessandria.

Il Premio Centro è suddiviso in tre sezioni come di seguito: Premio alle arti visive, alla drammaturgia per monologhi, alla poesia d’autore. Verrà assegnato anche quest’anno il Premio Espansioni d’Arte, in collaborazione con Gente Adriatica FVG.

Tre sezioni contraddistinguono questa edizione : Premio Centro, La Città e l’Umano, le Performances. Ma andiamo con ordine:

Il V Premio Centro alle Arti visive viene vinto da Edoardo Stramacchia di Brescia, seguito da Isabella Di Domenico da Firenze e  da Ilaria Franza di Como . Al tradizionale Trofeo del Premio Centro sono stati affiancati premi collaterali, come di consueto. Il Premio Espansioni  2014, curato  da Graziella Valeria Rota di Trieste è stato vinto da Simonetta Fontani di Firenze, il Premio Romart a Roberto Petitti di Roma, il Premio Soriano città al Pittore  Andrea Centofanti di Soriano nel Cimino, il Premio della Critica alla fotografia di  Vo’Lucano di Matera. Altri riconoscimenti con il Premio FIDELITAS sono andati agli artisti Malisa Longo di Roma, Antonella Saracino di Messina, Martina Benedetti di Canepina (VT), Fabio Weik di Milano, Enrico Quattrocchi di Roma, Cristina Flaviano di Caserta, Giordano Ceccarelli di Soriano nel Cimino, Claudio Massimi, Antonello Massariello, Cinzia Mastropaolo tutti di Roma.

Il II Premio Centro alla Drammaturgia per monologhi  è stato vinto da Marianna Mauro, con “Amaterasu”, seguita da Angela Micieli con “Violè” e da Davide Mattei con “Un uomo giusto”. Il Premio della Critica è andato ad Ada Gavino.  Per il II Premio alla Nuova Poesia d’Autore  Simone Di Biasio di Fondi  è risultato vincitore, seguito al secondo posto da Giuditta Giuliano di Roma  e al terzo posto da Andrea Donaera, di Gallipoli. La cerimonia di premiazione avviene in una piazza Vittorio Emanuele II gremita di persone. Le assegnazioni dei Premi sono dirette  da Andrea Gatopoulos e Michele Di Giuseppe.

LA CITTA’ e L’UMANO

Come da tradizione dell’Esposizione questo è l’Evento centrale di ogni edizione. Questa volta è un susseguirsi di Mostre e di  avvenimenti partecipativi importanti. La Mostra più complessa ed articolata è senz’altro  “ La memoria è lo scriba dell’anima“, a cura di Carmine Siniscalco, presso l‘Ex Convento agostiniano , sede della Casa Comunale di Soriano nel Cimino. Essa percorre un ampio periodo storico del novecento e dei primi anni del XXI  secolo, fissando ciò che gli artisti hanno creato documentando loro malgrado o con la massima volontà di interpretazione , ciò che nel mondo avveniva. La citazione di molti di essi è d’obbligo. Nella Mostra il percorso vede opere dedicate a Federico Fellini e alla Dolce  Vita , di Maurizio Diana, Billie Shanka Fraleigh, Ana Maria Laurent, Stefania Lubrani,Danilo Maestosi, Flavia Mantovan, Piero Mascetti, Rita Mele,Bruno Parretti, M.Rosaria Stigliano, Andrea Cerqua e le sculture di Georgy Thapkanov-Tchap e di Vincenzo  Gaetaniello. Mentre la violenza della guerra è stigmatizzata da Bruno Canova, con alcuni disegni del ciclo “L’Arte della guerra” e dal suo allievo Vito Miroballi. Opere che interessano i due mondi Stati Uniti ed Europa sono di Sinisca e Giorgio Radicati.  Il reading dedicato a Lawrence Ferlinghetti e  Maria Luisa Spaziani introduce  alle liriche sia grafiche che poetiche di Renzo Vespignani per la sua raccolta di versi  “Quaderni di AAsverus” , corredata dall’esposizione di 12 incisioni  dell’artista romano. La poesia domina con i versi scritti stavolta da Filippo De Pisis e corredati da disegni del Maestro, incisi da Bona Tibertelli, sua nipote.

Il mondo che interpella l’Occidente, con influenze sempre più vaste, è rappresentato da Valeria Catania  e dagli artisti egiziani presenti Ayman Lofty, Asmaa Elnawawy, Shaima Mahmoud e Mariam Faried, affiancati per l’Egitto di ieri e di oggi dalle opere di Isabella Tirelli e dalle fotografie di Carlos De La Fuente.  

Sette location accolgono poi le opere in piccole mostre personali di Leonardo Caboni, Roberta Serenari, Paolo Berti, Eleonora Cianci,Fabio Ferretti De Virgilis, Cosimo Ferri, Francesco Meloni, Marco Paolini, Lauro Papale, Giuseppe Rossi, Marcello Santini, Fabio Weik e Marco Maria Zappa. E’ un percorso  fisico ed espositivo che invade  quattro locali del Centro storico e che regala , ovunque si guardi  all’interno di essi, un’invasione di colori, immagini , proposte , quasi provocatoriamente collocate in pubs, chiese , sale da thè.

Forti della  bellezza racchiusa nel Casino degli Specchi, che fu del Cardinal Annibale Albani, ricca al suo interno di giochi di specchi dipinti con immagini bucoliche e putti ammiccanti, sotto le volte dipinte da Carlo Maratta (1625-1713) e Pietro Paolo Cennini (1661- 1739), tra le ceramiche di Delft, ospiti della Signora Maria Luisa Petti, proprietaria di questo gioiello architettonico ed artistico, viene allestita ,  dal 14 al 23 agosto 2014 , la Collettiva dei giovani e  affermati autori scelti e  a cura di Robertomaria Siena , “Nel sogno della Pittura“. Sono  piccoli cammei che vengono installati tra i mobili e le sale, incastonati, opere d’arte tra opere d’arte, nel gioco rococò di questa residenza antica , che ha tutto il sapore e i profumi della terra e della raffinatezza post barocca dei nobili che l’abitarono , a completamento di un’edizione de “La città e l’umano” che resterà unica anche nella storia di Soriano.  Gli artisti espositori sono Gianluca Aronni, Tommaso Didimo, Marco Eusepi, Lorenzo Gramaccia, Luana Romano, Diego Nocella, Flavio PitocchiLorenzo Romani, Claudio Sciascia e Gianluca Sità. 

LE PERFORMANCES

E’ il regalo al pubblico che intende coinvolgere, interrogare, proporre anche con provocazioni , proposto dall’Esposizione  Nazionale che conferma la sua vivacità e il suo desiderio di lasciare segni che durino nel tempo .

“Dalle manifeste azioni- Azione N°6 Sublimazione” di Giò Montez  22-23 agosto 2014

Scolpisce, l’autore, durante tutto il mese di luglio, il basamento simile a quello su cui è sovrapposto il “David ” di Michelangelo a Firenze,(opera datata 1501/1504) presso la Galleria dell’Accademia.  La scultura viene collocata , grazie anche agli sponsor Cave Micci e Famiani Trasporti, sul piazzale del Belvedere ( Piazza Cavalieri di V. Veneto)in Soriano . Su di essa non è collocata la statua michelangiolesca, ma ognuno di noi può diventare il David posando su di essa. Nei primi di settembre 2014 Giò Montez, vi poserà arbitrariamente e a sorpresa di tutti, nudo, fotografando l’azione performativa. Il cippo in peperino è stabilmente ancora presente sul piazzale, a disposizione di chi voglia per un attimo sentirsi David.

“Scultura vivente” di Cristiano Quagliozzi e Damiana Ardito 22 agosto 2014

Damiana nuda viene rivestita dall’estemporaneo scultore Cristiano Quagliozzi di crete e gessi. Essa diventa una Madonna dell’Arte, donna  dell’arte. E’ possibile assistere alla performances grazie a un occhio di bue centrato sui due protagonisti, soli al centro del tappeto verde dello stadio locale. La “scultura vivente” salirà a piedi verso il basamento di Montez e si collocherà per un periodo di tempo sopra di esso.

 

“Dentro/fuori (Stefano e gli altri)  by Khyram 19-20 agosto 2014

Khyram, una delle body-performer più apprezzate in Italia ed in Europa è racchiusa dalle ore 16 del 19 agosto 2014 alla stessa ora del 20 agosto, in una cella di punizione dell’ex carcere già esistente (1850-1989 ) nel Castello Orsini di Soriano. Non ha cibo, coperte o altro e si offre alla restrizione volontaria in uno spazio angusto e tetro , con un tavolaccio per letto e senza confort di nessun genere. La ferrata della porta si chiude alle 16 in punto e si riaprirà solo dopo 24 ore di permanenza.  Questa performance, interamente ripresa in video da Julius Caesar , è dedicata a Stefano Cucchi e agli altri che si sono trovati in condizioni simili.  Verrà poi diffusa in molte parti del mondo, per denunciare le sopraffazioni, le lesioni dei diritti umani, le violenze di una giustizia, a volte molto ingiusta e tirannica, che non rispetta i valori basilari della persona umana, fino a provocarne la morte.

Per questa particolare edizione e per la sua riuscita  organizzazione , occorre citare , in modo particolare per la loro collaborazione ed azione fattiva: Il Sindaco di Soriano Fabio Menicacci, Davide Saltalamacchia, Pierpaolo Cecchetti.

E’ in preparazione la VI Edizione , prevista per il 2018.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *